Palermo, molestava malate mentali: condannato

PALERMO. Il gup di Palermo Giangaspare  Camerini ha condannato a un anno e un mese di carcere Antonio  Girgenti, 56 anni, per violenza sessuale nei confronti di tre  pazienti dell'ospedale psichiatrico Ingrassia in cui lavorava  come assistente sociale.    Il pm Fabiola Furnari aveva chiesto la condanna di Girgenti a  6 anni e 3 mesi, ma il giudice ha ritenuto responsabile  l'imputato di una sola violenza sessuale, derubricando la  seconda accusa in molestie e assolvendo Girgenti dal terzo  episodio a lui contestato.    Girgenti, che aveva scelto l'abbreviato, è stato arrestato  dalla polizia insieme a un ausiliario specializzato di 41 anni  in servizio nel reparto psichiatrico, Leonardo Calì, che viene  processato, invece, in ordinario. Ai due vennero concessi i  domiciliari, poi revocati.     Secondo gli inquirenti, gli indagati avrebbero approfittato  dello stato di infermità mentale e debolezza psichica delle tre  donne. Una delle vittime stanca delle violenze chiese di essere  trasferita in un altro ospedale.    L'inchiesta ha avuto inizio dopo la denuncia presentata dalla  dirigente responsabile del dipartimento salute mentale  dell'ospedale.    Le tre vittime, sentite con l'assistenza di un consulente  tecnico, hanno confermato le accuse e aggiunto particolari alla  ricostruzione fatta dalla polizia. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati