Regionali, la grande corsa alla presidenza

Tra rumors e dietrofont, appare accreditata la candidatura dell’attuale presidente dell’Ars, Francesco Cascio ma nello stesso partito sarebbe pronto anche Enrico La Loggia. Fli ha lanciato Granata. Nel centrosinistra hanno rotto gli indugi Fava, Crocetta e Crisafulli

PALERMO. Il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, ha ribadito più volte l’intenzione di dimettersi a fine luglio. Dunque la data delle prossime elezioni regionali, ipotizzata il 28 e il 29 ottobre prossimo, sembra più che mai certa. Ecco al momento gli esponenti politici che hanno rotto gli indugi proponendosi come possibili candidati alla presidenza della Regione.
Il deputato del Pdl, ENRICO LA LOGGIA, ha spiegato che «occorre un programma serio di risanamento economico e sviluppo. Se questa fosse la base di discussione io sono pronto a dare la mia disponibilità invista delle prossime elezioni regionali».
Tra rumors e dietrofont, appare accreditata la candidatura dell’attuale presidente dell’Ars, FRANCESCO CASCIO. L’attuale capogruppo all’Ars degli azzurri, Innocenzo Leontini, sta invece lavorando a una lista assieme a esponenti del Pid. Altri nomi circolati tra i berlusconiani sono quelli del coordinatore regionale GIUSEPPE CASTIGLIONE e del sindaco di Catania RAFFAELE STANCANELLI. Il parlamentare Adolfo Urso ha invece lanciato l’esponente de La Destra, NELLO MUSUMECI.
Passo avanti anche del leader di Grande Sud, GIANFRANCO MICCICHÈ, che ha più volte ribadito l’intenzione di candidarsi «coinvolgendo persone capaci e con la passione di governare la Sicilia». I finiani lo hanno ribadito ieri con Carmelo Briguglio: «Fli ha un suo candidato presidente: FABIO GRANATA».
Nel Nuovo Polo ieri ha preso corpo l’ipotesi MASSIMO RUSSO, lanciato dallo stesso Lombardo alla guida del governo regionale. Ieri è arrivata pure la proposta di candidatura del sindaco di Ragusa, NELLO DIPASQUALE, che col presidente del Palermo Maurizio Zamparini ha creato il Movimento per la gente.
Tra i moderati è spuntata l’ipotesi di candidatura del coordinatore regionale dell’Udc, GIANPIERO D’ALIA, sul quale convergerebbe pure una parte del Partito democratico. Ma anche nel centrosinistra è una girandola di nomi. CLAUDIO FAVA, dirigente di Sinistra e Libertà, ha ufficializzato la sua candidatura dopo l’appello lanciato in suo favore da un gruppo di intellettuali. Altro nome è quello di ROSARIO CROCETTA, eurodeputato del Pd, che ha incassato il sostegno di alcuni autonomisti. Sempre tra i democratici, il deputato nazionale MIRELLO CRISAFULLI nei giorni scorsi ha rotto gli indugi affermando di essere «candidato alle primarie del centrosinistra».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati