Fiat di Termini Imerese, "La Dr Motor è fuori"

L’azienda di Massimo Di Risio non parteciperà più all'operazione di rilancio dello stabilimento. È stato a conclusione di una riunione al ministero dello Sviluppo alla quale hanno partecipato le sigle sindacali dei metalmeccanici

PALERMO. Dr Motor è definitivamente fuori dall'operazione di rilancio dello stabilimento Fiat di Termini Imerese. Né dà notizia il segretario della Uilm di Palermo, Vincenzo Comella, a conclusione di una riunione al ministero dello Sviluppo alla quale hanno partecipato i segretari nazionali di Fim, Fiom e Uilm.
Per trovare una soluzione alla vertenza Termini Imerese, il ministero per lo Sviluppo avvierà contatti con 17 case automobilistiche di livello internazionale con l'obiettivo di verificare un eventuale interesse a rilevare la fabbrica che Fiat ha chiuso lo scorso dicembre. E' quanto emerge dalla riunione che si è tenuta al ministero con le segreterie nazionali di Fim Fiom e Uilm.
"Il ministero riconvocherà i sindacati tra meno di venti giorni per fare il punto sui primi contatti con i produttori di auto e relazionare su eventuali manifestazioni d'interesse", riferisce Comella.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati