Massimo, primo cda con Orlando: ed ecco il nodo delle nomine

Il sindaco ha assunto l'incarico di presidente della Fondazione ed ha sollecitato il sovrintendente ed il vice presidente a predisporre gli atti necessari per la convocazione del consiglio di amministrazione il prossimo 23 giugno

PALERMO. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha assunto la funzione di presidente della Fondazione Teatro Massimo ed ha sollecitato il sovrintendente ed il vice presidente a predisporre gli atti necessari per la convocazione del consiglio di amministrazione il prossimo 23 giugno.
Il sindaco ha contestualmente chiesto agli stessi di fornirgli ogni necessaria documentazione ed informazione sui bilanci e sui programmi di attività dell'Ente. 
Sabato dunque comincia la nuova fase per il Massimo. Orlando presiederà la seduta. Ed ha chiesto notizie sui bilanci, un fatto inconsueto. Come mai? Al momento non è dato sapere. Ed ha chiesto notizie anche sulla programmazione, probabilmente uno degli argomenti dell’ordine del giorno della seduta del cda perché, per esmepio, non c’è notizia su possibili spettacoli estivi o di tournée all’estero come accadde l’anno scorso.
Poi c’è il nodo delle nomine. La Fondazione ha un consiglio di amministrazione formato da sette persone che a sua volta nomina il sovrintendente. Orlando ha già fatto sapere che vuole azzerare tutte le nomine in aziende partecipate e anche negli enti culturali laddove ci sono incarichi in rappresentanza del Comune. Nelle aziende partecipate già si registrano le dimissioni dei vertici nominati dall’ormai ex sindaco Cammarata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati