Palermo, fece scrivere "sono deficiente" ad alunno: condannata

La Cassazione ora ha confermato la pena a 20 giorni escludendo l'aggravante delle lesioni. Protagonisti della vicenda Giuseppina Valido, insegnante di scuola media ora in pensione, e un ragazzo che aveva impedito ad un compagno di entrare in bagno insultandolo

PALERMO. Fece scrivere 100 volte su un quaderno «Sono un deficiente» ad un alunno che aveva impedito ad un compagno di entrare in bagno insultandolo: denunciata dal bambino fu assolta in primo grado, condannata a un mese di carcere per abuso di mezzi di correzione aggravato. La Cassazione ora ha confermato la condanna riducendo la pena a 20 giorni escludendo l'aggravante delle lesioni. Protagonista della vicenda Giuseppina Valido, insegnante di scuola media ora in pensione. La donna si è sempre difesa sostenendo di avere utilizzato quella punizione dopo avere spiegato all'alunno l'etimologia del termine deficiente che indica l'assenza di qualcosa, nel suo caso di sensibilità. L'assoluzione venne appellata dal pm che arrivò ad invocare la corte dei diritti dell'uomo a tutela del bambino punito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati