Gesip, Orlando: soluzione con Governo e sindacati

Il sindaco di Palermo: "Il Comune da solo non può risolvere problema. Monti ha dato mandato al sottosegretario Antonio Catricalà di dare vita ad una task force interministeriale che si occupi dell'emergenza Palermo"

PALERMO. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha incontrato oggi le rappresentanze sindacali e un gruppo di lavoratori della Gesip. "E' chiaro che, soprattutto nella situazione attuale, il Comune non può affrontare e risolvere da solo il problema - ha detto - e per questo abbiamo da subito sollecitato e attivato tutte le sinergie istituzionali possibili, testimoniate dal fatto che il Governo nazionale ha dato mandato al sottosegretario Antonio Catricalà di dare vita ad una task force interministeriale che si occupi dell'emergenza Palermo".
"Da parte dell'amministrazione esiste un solo piano - ha aggiunto - e non ci sono né piano B, né piano C. Esiste solo un obiettivo che è quello di garantire continuità occupazionale a tutti i lavoratori, a fronte di lavori e servizi concreti che i lavoratori potranno e vorranno certamente dare alla città. La base di partenza del nostro rapporto col Governo nazionale sarà la lista dei lavoratori, le rispettive qualifiche nonché l'elenco dei servizi che oggi rendono alla città con i costi. Sulla base di questi dati chiederemo quali strumenti operativi, quali fondi e quali soluzioni intende proporre e, insieme ai sindacati e ai lavoratori valuteremo tali proposte".
"Su questo punto fortemente politico, ho registrato - conclude - un grande senso di responsabilità da parte dei sindacati e di tutte le forze politiche. Ne è prova da un lato il fatto che la prossima settimana saranno depositate delle mozioni in Parlamento a sostegno della vertenza, sottoscritte da tutte le forze politiche e ne è prova il fatto che tutte le sigle sindacali hanno attivato le proprie segreterie nazionali, che hanno colto la valenza politica di questa vertenza".

UILTUCS: ATTENZIONE ORLANDO FA BEN SPERARE. "La vicenda Gesip è complessa e sappiamo che non può risolversi con la bacchetta magica. Ma emerge una particolare attenzione verso la città di Palermo che fa ben sperare". Lo dice Pietro La Torre, segretario regionale Uiltucs, commentando le dichiarazioni del sindaco di Palermo sul futuro della municipalizzata. "Crediamo sia prematuro - prosegue - avventurarci su discussioni relative agli strumenti da utilizzare per attuare il piano, rischieremmo inutili allarmismi. Attendiamo prima che sia definito. Dal canto nostro faremo appello alle segreterie nazionali di Cgil, Cisl e Uil per garantire una maggiore attenzione a Roma su questa problematica".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati