Navi a singhiozzo e niente benzina: proteste a Linosa

Sempre più irregolare la frequenza della nave che collega l'isola a Lampedusa e Porto Empedocle. La pompa per il carburante è completata ma resta chiusa. Rischi per il turismo

LINOSA. Sempre più irregolare la frequenza della nave che collega l'isola di Linosa a Lampedusa e Porto Empedocle, mentre non si è risolto l'annoso problema della benzina: la più piccola delle Pelagie, infatti, non ha un distributore  e per fare il pieno gli isolani sono costretti ad andare a Lampedusa - dove il carburante supera anche i due euro al litro - nonostante sia ormai completata l'installazione di una pompa, che però resta chiusa. Per tutti questi motivi stamane gli abitanti di Linosa hanno inscenato una manifestazione e con le loro auto si sono radunati davanti alla sede della delegazione comunale. Chiusi, per protesta, anche i negozi, che in vista della stagione estiva temono che l'attuale situazione aggravi ulteriormente la crisi e allontani i turisti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati