“Estorsioni e favoreggiamento ai boss”, tre arresti a Favara

In carcere sono finiti Domenico Sciortino, 55 anni, il figlio Salvatore, accusato di aver favorito la latitanza dei capimafia Maurizio Di Gati e Gerlandino Messina. In manette anche Gaetano Arnone, 37 anni

Sicilia, Cronaca

AGRIGENTO. La Squadra mobile di Agrigento ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, firmate dal gip del tribunale di Palermo Maria Pino su richiesta dei procuratori della Dda Vittorio Teresi, Emanuele Ravaglioli e Rita Fulantelli.
Gli arrestati, tutti di Favara (Agrigento), sono DOMENICO SCIORTINO, 55 anni, accusato di associazione mafiosa ed estorsione aggravata; il figlio SALVATORE SCIORTINO, 31 anni, accusato di favoreggiamento aggravato per aver favorito la latitanza dei boss Maurizio Di Gati prima e di Gerlandino Messina dopo, e GAETANO ARNONE, 37 anni, anche lui accusato di avere favorito la latitanza di Di Gati.
L'inchiesta della Mobile, durata diversi mesi, si è basata anche sulle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia che sono state riscontrate dagli investigatori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati