Grand Hotel Palazzo d'Orleans

Le porte girevoli della giunta regionale continuano a scorrere con assessori che si dimettono e gente nuova in arrivo. Francamente non si capisce perché tanto accalcarsi

Grand Hotel Palazzo d’Orleans: gente che va e gente che viene. Le porte girevoli della giunta regionale continuano a scorrere con assessori che si dimettono e gente nuova in arrivo. Francamente non si capisce perché tanto accalcarsi. Ieri l’assessore Centorrino ha annunciato l’intenzione di dimettersi. Lo farà ufficialmente domani. Logica e buon senso avrebbero consigliato il trasferimento ad interim delle deleghe. Invece verrà sostituito così come successo, una decina di giorni fa, con Elio D’Antrassi e Giosuè Marino. Francamente non si capiscono le ragioni di tanto movimento. Il presidente Lombardo ha annunciato che si dimetterà a fine luglio per consentire le elezioni a ottobre. E allora perché tutto questo scorrere di porte girevoli? E soprattutto: perché la mozione di sfiducia da parte del Pd? I Democratici sono stati il pilastro dell’ultima stagione di Lombardo. Bastava ritirare l’appoggio per segnare il dissenso. Invece è stato necessario anche un documento ufficiale per sfiduciare il presidente. Evidente che tutto questo traffico è finalizzato alle urne. Serve al Pd marcare un dissenso fino a ieri inesistente. Così da blandire il proprio popolo certamente disorientato dalle scelte più recenti (come si è visto alle comunali di Palermo).
Contemporaneamente la nomina di nuovi assessori è richiesta da Lombardo per chiamare a raccolta il cerchio magico: non a caso come successore di Centorrino si parla (ma la voce viene smentita a tarda sera) di Patrizia Monterosso, suo capo di gabinetto. Insomma le elezioni sono cose troppo serie per lasciarle gestire da mano inesperte. Nel frattempo l’amministrazione è scivolata nel più assoluto immobilismo. Ecco perché, a questo punto, serve un supplemento di chiarezza per conoscere la data delle dimissioni e quella delle elezioni. Non c’è più tempo da perdere.
E poi, per favore, partiti di governo e di opposizione, con le annesse dispute sulle coalizioni possibili, mettano al centro i programmi delle cose da fare in una Sicilia sempre più a corto di idee per fronteggiare una crisi che non attende i tempi della politica.

FONDI@GDS.IT

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati