Province, in Sicilia sono costate ai cittadini 238 milioni di euro

Secondo un rapporto Istat, agli abitanti dell'Isola i salari dei 5.534 dipendenti delle 9 amministrazioni è costato in media 47 euro a testa, il doppio rispetto agli abitanti della Lombardia, dove la spesa pro capite è stata di 27 euro

Sicilia, Politica

PALERMO. Ai siciliani, nel 2010, pagare gli stipendi dei 5.534 dipendenti delle 9 amministrazioni provinciali è costato in media 47 euro a testa, il doppio rispetto agli abitanti della Lombardia, dove la spesa pro capite è stata di 27 euro. Nelle Province dell'isola per il personale sono stati spesi 238 milioni di euro. È quanto emerge dal rapporto dell'Istat sui bilanci consuntivi delle amministrazioni provinciali nel 2010. Secondo lo studio, l'isola si colloca al secondo posto della graduatoria nazionale stilata dall'istituto nazionale di statistica, preceduta proprio dalla Lombardia, dove la spesa per il personale ammonta a 273 milioni di euro ma viene distribuita su una popolazione che è circa il doppio rispetto a quella siciliana. Nell'isola per l'acquisto di beni e servizi le amministrazioni provinciali hanno speso 208 milioni di euro (41 euro pro capite); infine, per le altre spese correnti (esclusi gli stipendi) la spesa è di 93 milioni (18 euro pro capite).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati