Cronaca in classe. Spazio alla scienza: alunni in laboratorio

Enlarge Dislarge
1 / 3
Vivere l’attività di apprendimentocome un gioco è davveroentusiasmante per noi ragazzidella scuola media di Campofelice.Dal mese di febbraio ogni venerdìun gruppo di 20 alunni, formatoda ragazzi delle varie classi,ci vediamo nel laboratorio discienze e guidatida GiuseppeMariaPizzurro e Giuseppe Petrancostaci trasformiamo in piccoliscienziati. Attraverso alimenti come ilsale, lo zucchero, lepatate, ilcaffè, l’aceto o gli oggetti come lacolla, la levigatrice, il seghetto, ilpendolino scopriamo e comprendiamole proprietà dei materialicon particolare riferimento al peso,alla massa, al volume, al pesospecificoe alla densità e aimeccanismidi propagazione del calorenei solidi, liquidi e aeriformi e alladilatazione termica.Il laboratorio di scienze, volutodal dirigente scolastico GiuseppeSimplicio, e realizzato coi fondiPon, è intitolato a Lucio Spallino,unprofessoreinnamoratodellascienza che trasformava i suoialunni in piccoli scienziati ancorprima che la nostra scuola avesseil laboratorio. Nella foto, gli alunni al lavoro in laboratorio: da sinistra Emanuele Scavone, Annalisa De Marco, Antonino Fustaneo, Gaia Schimmenti, Antonino Fricano, Francesca Battaglia, MarcoGugliuzza, Elia Macaluso, Agostino Imburgia, Salvatore La Sita, Marta Pruiti, Lucrezia Oddo e Giuseppe Salutare.
Vivere l’attività di apprendimentocome un gioco è davveroentusiasmante per noi ragazzidella scuola media di Campofelice.Dal mese di febbraio ogni venerdìun gruppo di 20 alunni, formatoda ragazzi delle varie classi,ci vediamo nel laboratorio discienze e guidatida GiuseppeMariaPizzurro e Giuseppe Petrancostaci trasformiamo in piccoliscienziati. Attraverso alimenti come ilsale, lo zucchero, lepatate, ilcaffè, l’aceto o gli oggetti come lacolla, la levigatrice, il seghetto, ilpendolino scopriamo e comprendiamole proprietà dei materialicon particolare riferimento al peso,alla massa, al volume, al pesospecificoe alla densità e aimeccanismidi propagazione del calorenei solidi, liquidi e aeriformi e alladilatazione termica.Il laboratorio di scienze, volutodal dirigente scolastico GiuseppeSimplicio, e realizzato coi fondiPon, è intitolato a Lucio Spallino,unprofessoreinnamoratodellascienza che trasformava i suoialunni in piccoli scienziati ancorprima che la nostra scuola avesseil laboratorio. Nella foto, gli alunni al lavoro in laboratorio: da sinistra Emanuele Scavone, Annalisa De Marco, Antonino Fustaneo, Gaia Schimmenti, Antonino Fricano, Francesca Battaglia, MarcoGugliuzza, Elia Macaluso, Agostino Imburgia, Salvatore La Sita, Marta Pruiti, Lucrezia Oddo e Giuseppe Salutare.