Nomine illegittime: condannati i vertici dello Iacp di Palermo

Secondo la Cortei dei conti devono risarcire all'ente quasi 150 mila euro. Sono accusati di aver scelto undici dirigenti ignorando “chiare disposizioni di legge”

PALERMO. La sezione giurisdizionale d'appello della Corte dei conti ha condannato i vertici dello Iacp di Palermo a risarcire all'ente quasi 150 mila euro. Sono accusati di aver nominato illegittimamente undici dirigenti. Dovranno pagare diciotto mila euro ciascuno l'ex presidente Pippo Palmeri, il vice Ignazio De Caro, i consiglieri Luigi Ciotta, Antonino Di Piazza, Giovanni Lo Bello, Pietro Matranga, Francesco Viola, e il coordinatore generale Salvatore Giangrande. Secondo i magistrati contabili, hanno agito in violazione di chiare disposizioni di legge nonché di circolari vincolanti diramate dall'amministrazione regionale nell'esercizio della sua potestà di vigilanza sull'Ente. (sentenza 163/A/2012).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati