Montella se ne va: "Ma non sono scappato"

CATANIA. «Ci tenevo a chiudere di persona questa telenovela, durata sin troppo». Vincenzo Montella si congeda da Catania. Un divorzio annunciato, maturato questo pomeriggio al termine dell'incontro tenutosi a Torre del Grifo tra l'allenatore campano e l'amministratore delegato rossazzurro, Sergio Gasparin. «Sono venuto qui a Torre del Grifo - ha detto Montella - per parlare con la società e risolvere la situazione confrontandomi con le persone che mi hanno dato fiducia. Abbiamo raggiunto un accordo che verrà ratificato nei prossimi giorni». «In questa vicenda sono stati compiuti degli errori - ha proseguito l'ormai ex allenatore rossazzurro - me ne assumo la responsabilità per la parte che mi riguarda, ma ho la coscienza a posto. Ho sempre agito correttamente. Non sono scappato da Catania. Andare via, a questo punto, era la scelta migliore e meno rischiosa per me».


«Il presidente Pulvirenti è risentito? Non penso che lo sia, parole e comportamenti vanno contestualizzati. Qui ho vissuto una splendida annata - ha concluso Montella - la squadra ha compiuto progressi sensibili nel corso della stagione, porto con me un ricordo bellissimo di Catania. La Fiorentina? Inutile negarlo: c'è una trattativa, ma dobbiamo tradurla in concreto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati