Dopo il lutto, il sole

Lunedì tempo scuruseddu con qualche goccia d’acqua (come , modestamente a parte, ebbi a dirvi). Oggi invece giornata forse tra le più belle della stagione. Ma voi ci credete a queste cose? Certo è che oggi lunedì è la giornata di lutto nazionale per i poveri padri di famiglia morti nel terremoto. E com’era il tempo? Picchioso in quasi tutta Italia e pure qui in Sicilia. Come si suol dire: e sono le pietre e piangono. Comunque.

Andiamo a domani. Che vi devo dire? Non ci saranno mai meno di 20 gradi e mai più di 26 il che vuol dire notti dolci. Innammorati fatevi avanti, pure se è solo martedì. Non aspettate il sabato sera per andare a schiniare un pochino. Coi tempi che corrono, non bisogna perdere occasione per stare incucchiati, stretti stretti. Perché se arriva un vento maligno, è più difficile che ci trascina a mala parte.

A proposito di vento: domani ci sarà un Ponentino allegro che non dà fastidio, anzi rinfresca l’aria. Ma tenete conto che di mattina a cominciare dalle undici e infino a verso le tre di doppopranzo, prima di mettervi al sole dovete mentervi la cremina. Mi raccomando i cappellini ai picciutteddi e la cremina pure a loro, specialmente ai nutrichi. Il fatto è che ci sono raggi ultra violenti che sono a 9,6 in una scala di 11. Cioè assai. E se potete, al lavoro andateci a piedi o in bici gretta che fa bene alla salute. Oppure prendete l’otobus che fa bene alla città

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati