Pozzallo, rubano attrezzatura da peschereccio: arrestati due tunisini

POZZALLO. Due fratelli tunisini sono stati arrestati e altrettanti denunciati in stato di libertà da personale della guardia costiera di Pozzallo per il furto, avvenuto lo scorso aprile, di attrezzature elettroniche, per un valore stimato di circa 40 mila euro, da un peschereccio ormeggiato nel porto di Scoglitti. I due arrestati sono stati bloccati a Palermo mentre erano a bordo di un autocarro, nelle vicinanze del porto, in procinto di imbarcarsi su un traghetto diretto in Tunisia. Nel mezzo è stata trovata la refurtiva e anche circa 2 mila euro e uno scooter e  mobili rubati, che sono stati sequestrati. Le indagini hanno permesso di identificare altri due tunisini. L'operazione è stata coordinata dalla Procura di Ragusa. Il contrammiraglio Domenico De Michele, direttore marittimo della Sicilia orientale, ha espresso «viva soddisfazione», per le indagini «complimentandosi con il capitano di Fregata Andrea Tassara e con tutto il personale coinvolto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati