Regione, concorsi nella sanità: oltre 100 posti liberi

Il piano varato all’inizio del 2011 prevedeva oltre tremila assunzioni, gran parte delle quali già effettuate. Adesso la Gazzetta ufficiale pubblicata venerdì scorso, porta in dote un centinaio di posti rivolti a personale interno ed esterno

PALERMO. Un’ottantina di posti in ospedali e aziende sanitarie dell’Isola, una decina di assegni di ricerca e diversi bandi per creare della long list dalle quali attingere per affidare incarichi a tempo determinato. La nuova raffica di concorsi è frutto della riforma della sanità e della necessità di ridefinire le piante organiche dele strutture sanitarie siciliane. Il piano varato all’inizio del 2011 prevedeva oltre tremila assunzioni, gran parte delle quali già effettuate. Adesso la Gazzetta ufficiale pubblicata venerdì scorso, porta in dote un centinaio di posti rivolti a personale interno ed esterno.



Ma c’è spazio pure al settore della ricerca, grazie a un bando pubblico dell’assessorato regionale alla Sanità che mette a disposizione otto assegni per uno studio sulla prevenzione e cura della Talassemia, quasi tutti della durata di un anno. Per partecipare alla selezione, che avverrà tramite per titoli ed esami, ci sono trenta giorni di tempo.



Gli ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello faranno ricorso ad una graduatoria per contrattualizzare a tempo determinato le figure di infermiere e ostretica. Sempre a Palermo, il Policlinico Paolo Giaccone è a caccia di un dirigente medico di endocrinologia e uno di medicina nucleare. La stessa azineda ospedaliera ha riaperto i termini per la graduatoria di dirigente di medicina fisica e riabilitativa. Altra long list riguarda la figura di dirigente di cardiochirurgia. E ancora, il Policlinico di Palermo sta facendo ricorso a una selezione per individuare un dirigente di cardiochirurgia. All’ospedale civico Di Crista, invece, tramite mobilità regionale e interregionale saranno assegnati posti di dirigente in una decina di reparti.



Ad Agrigento, l’Azienda sanitaria provinciale è pronta ad affidare incarichi dirigenziali per le strutture ospedaliere di Canicattì, Sciacca, Licata e per la stessa Agrigento. Sempre nella città dei templi saranno affidati incarichi a progetto a due biologi e sei tecnici di laboratori.
Ma sono i dirigenti le figure più ricercate. È il caso del Cannizzaro di Catania che ne selezionerà cinque mentre il Garibaldi ne recluterà tre. Stesso discorso all’Asp di Caltanissetta che ha messo a bando otto posti direttivi, mentre l’Asp di Enna farà ricorso a una long list per incarichi in veterinaria. Il Buccheri la Ferla di Palermo, infine, cerca un direttore di anestesia e rianimazione, uno di oncologia e un altro di pediatria e neonatologia.



Ma le selezioni non riguardano solo operatori sanitari. Gli ospedali riuniti Papardo-Piemonte di Messina necessitanoo di due dirigenti del servizio statistico, di sei dirigenti amministrativi, di un coadiutore amministrativo e di un dirigente amministrativo. E ancora, l’Asp di Ragusa cerca un operatore tecnico conduttore di caldaie mentre l’Asp di Siracusa è a caccia di cinque posti di dirigente amministrativo. Nella serie concorsi dell’ultima Gazzetta ufficiale della Regione siciliana, che si può consultare su internet all’indirizzo www.gurs.regione.sicilia.it, c’è un’occasione lavorativa pure a Ragusa, dove il Comune cerca due assistenti sociali.


© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati