Incendio al carcere di Enna, Fleres: "Ci vuole più sicurezza"

ENNA. «Sembrerebbe che si sia trattato di un incidente, anche se ho espressamente chiesto alla
direzione del carcere di verificare la natura di tale incendio». Lo afferma il Garante dei diritti dei detenuti in Sicilia, sen. Salvo Fleres, in merito all'incendio divampato domenica scorsa in una cella del carcere di Enna durante il quale un agente di polizia penitenziaria ha salvato alcuni detenuti ed è rimasto intossicato. «Non c'è dubbio - aggiunge Fleres - che in una struttura obsoleta come quella di Enna tali episodi possono anche verificarsi. Dunque, è assolutamente necessario intervenire attraverso opere di ristrutturazione e/o rifacimento delle sezioni». «Nel caso specifico, disponendo di una nuova struttura - continua - è necessario procedere, in tempi brevi, all'apertura della stessa con il conseguente trasferimento dei reclusi, a tutela degli stessi e del personale tutto». «All'agente di polizia penitenziaria che è intervenuto spegnendo l'incendio e traendo in salvo i detenuti vanno i segni della mia stima - conlude Fleres - che estendo al comandante di
reparto ed a tutto il corpo di polizia penitenziaria presente in istituto»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati