Sicilia, Cronaca, Salute, Società

iMamma, app gratuita per la gravidanza È stata inventata da un palermitano

Aiuta le donne in dolce attesa a gestire al meglio tutte le fasi della gravidanza, dal memo sugli esami da compiere al controllo del peso, dal registro contrazioni fino al divertente conta calcetti. Ideata da Riccardo Fertitta, un informatore medico di 28 anni

PALERMO. La Mela morsicata si apre alla vita che sta per nascere. Sull’Apple Store è infatti disponibile iMamma, l’app gratuita che aiuta le donne in dolce attesa a gestire al meglio tutte le fasi della gravidanza, dal memo sugli esami da compiere al controllo del peso, dal registro contrazioni fino al divertente conta calcetti.     
Il download è già possibile dallo scorso 25 aprile, ma la prossima release è prevista per domenica 13 maggio: una data non casuale e benaugurale, visto che è il giorno in cui si celebra la Festa della mamma.    
Ideata da Riccardo Fertitta, 28enne informatore medico palermitano, e sviluppata in sinergia con ingegneri che operano su piattaforma Apple e medici specialisti di livello internazionale, iMamma offre a tutte le donne appassionate della Mela morsicata la possibilità di monitorare in modo rapido e intuitivo l’andamento della gravidanza dal proprio iPhone. Ma la nuova app gratuita consente anche ai ginecologi di aggiornarsi e di gestire al meglio le loro pazienti.      
Fertitta ha coniugato la passione per il mondo Apple con il proprio know-how professionale: «L’idea di iMamma? Ho fatto un sogno e la mattina dopo sono andato dagli ingegneri per sviluppare l’idea. L’obiettivo è quello di offrire alle donne e agli operatori professionali un supporto utile e completo. L’approccio di iMamma, infatti, non è solo clinico o psicologico, ma anche nutrizionale, estetico e persino ludico, perché ogni gravidanza, dopotutto, è gioia e speranza in un futuro migliore».
Proprio in  tale ottica, Fertitta non ha dimenticato la dimensione della solidarietà. E infatti il giovane informatore medico annuncia: «Abbiamo deciso di devolvere una significativa percentuale degli introiti in beneficenza e stiamo mettendo a punto delle sinergie con onlus e associazioni umanitarie».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati