Sicilia, Notizie Brevi

Beffa degli interessi sulle tasse a rate, protesta di Casartigiani

PALERMO. Nei mesi scorsi la Serit Sicilia ha annunciato che le aziende con oltre 20 mila euro di debiti possono usufruire di un’agevolazione che permette loro di pagare l’importo dovuto in 72 rate mensili. Il provvedimento che in una prima fase aveva risollevato gli umori sia delle aziende sia dei rappresentanti di categoria, adesso mostra il suo vero volto. La Serit, infatti, ha omesso di comunicare che la rateizzazione del debito ha dei costi che si chiamano interessi di dilazione. Questo significa che su un debito di 50 mila euro, alla fine dei 72 mesi di rateizzazione il lavoratore avrà pagato più di 86 mila euro di cui oltre 30 mila solo di interessi. Il calcolo della rateizzazione del debito è arrivato alla Casartigiani da un associato che vedendosi recapitare una cartella esattoriale di 50 mila 310 euro si era recato alla Serit per chiedere la dilazione (Allegato A). La Casartigiani ha poi confrontato il tasso d’interesse praticato dalla Serit sulla dilazione del debito (10% circa), con il tasso d’interesse su un prestito concesso da una qualsiasi banca (6%) dimostrando che se il lavoratore, piuttosto che pagare le tasse a rate, chiedesse un prestito ad una banca, risparmierebbe oltre 20 mila euro.
“Oltre al danno c’è anche la beffa - afferma il segretario generale della Casartigiani, Maurizio Pucceri - l’azienda non può fare una scelta tra la rateizzazione concessa dalla Serit e il prestito della banca poiché i sistemi informativi degli istituti di credito rilevano la morosità dell’azienda e negano il credito. Questo episodio – aggiunge Pucceri – dimostra che il nostro è uno Stato usuraio che finge di aiutare chi è in difficoltà mentre istiga all’abusivismo o al suicidio”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati