Blitz contro il clan dei Cursoti, venti arresti a Catania

Tra i fermati anche il boss Giuseppe Garozzo, 63 anni, noto come “Pippu u maritatu” che stava tentando di riorganizzare la cosca, decimata dopo la sua detenzione

CATANIA. Venti persone, compreso lo storico boss del clan dei Cursoti, Giuseppe Garozzo, 63 anni, noto come 'Pippu u maritatu' (Pippo lo sposato, ndr), sono state arrestate dalla squadra mobile della Questura di Catania nell'ambito di un'operazione antimafia coordinata dalla Dda della locale Procura della Repubblica. Un provvedimento è stato eseguito anche in Piemonte dove il gruppo aveva una base logistica.  
Agli indagati sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione mafiosa, estorsione, traffico di stupefacenti, e detenzione di armi da guerra. Secondo quanto emerso dalle indagini della squadra mobile della Questura di Catania, il boss Garozzo, scarcerato alla fine del 2010 dopo quasi 18 anni trascorsi in carcere, stava tentando di riorganizzare la cosca dei Cursoti che era stata decimata durante il periodo della sua detenzione. Il 'ritorno' in campo del vecchio capomafia non è stato 'gradito' da esponenti di clan rivali che nel giugno del 2011 hanno tentato di ucciderlo, ferendo lui e un'altra persona, in un agguato.    

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati