Zamparini: "Sconcertato dall'atteggiamento di Panucci"

Il presidente del Palermo in conferenza stampa: "Crede di essere ancora un giocatore, ma deve capire che fare il dirigente è diverso". Intanto conferma l'arrivo di Perrinetti e su Mutti: "Potrebbe anche rimanere"

PALERMO. «Con me Panucci si è comportato come se fosse ancora un calciatore, ma deve capire che fare il dirigente è diverso. Si è arrabbiato per le mie dichiarazioni a una radio, mi ha costretto a far pubblicare sul sito del club una precisazione per tranquillizzarlo, ma non è bastato». Lo ha detto Maurizio Zamparini, commentando in conferenza stampa le dimissioni di Christian Panucci da responsabile dell'area tecnica, presentate oggi.


Secondo Zamparini, l'ex difensore se la sarebbe presa per le sue parole sull'arrivo di Giorgio Perinetti in rosanero, ma in realtà poi ha rivelato che, «negli ultimi 15 giorni, c'erano
stati degli screzi». «Almeno tre», ha aggiunto. Dunque, la situazione era degenerata prima ancora delle dichiarazioni 'incriminatè; l'incoronazione di Perinetti, o quello che ha riferito all'emittente privata, non avrebbero pertanto indotto Panucci a dimettersi. «Forse credeva di poter gestire tutto da solo - ha aggiunto Zamparini - invece io pensavo che avrebbe lavorato assieme a me, Cattani e Perinetti. Non gli avevo mica dato carta bianca. Un bravo ds deve lavorare nell'ombra, come
Bigon a Napoli o Sartori a Verona, sponda Chievo»


Zamparini ha anche confermato l'arrivo di Perrinetti: «Con Mezzaroma ho già parlato e
con Perinetti c'è già l'accordo. Quest'ultimo ha anche avuto un colloquio con il Siena. Perinetti arriverà a Palermo a fine campionato e sarà il vicepresidente operativo. Mutti? Chissà. Potrebbe anche rimanere».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati