Mafia, sequestrati beni per 6 milioni a Canicattì

Nel mirino Angelo Di Bella, Vincenzo Leone e Luigi Messana, coinvolti nell'inchiesta sul centro commerciale di Castrofilippo, Agorà, oggi denominato Le Vigne

AGRIGENTO. Beni per sei milioni di euro sono stati sequestrati dal tribunale di Agrigento, che ha accolto le richieste della Dda di Palermo, a tre presunti appartenenti a Cosa nostra di Canicattì. Le indagini patrimoniali, eseguite dalla Guardia di finanza di Agrigento, hanno riguardato complessive 33 persone e in particolare Angelo Di Bella, 58 anni, Vincenzo Leone, 42 anni, Luigi Messana, 54 anni, tutti di Canicattì, coinvolti nell'inchiesta sul centro commerciale di Castrofilippo, Agorà, oggi denominato Le Vigne.    
Sottoposti a sequestro numerosi conti correnti bancari, polizze assicurative, titoli e una cooperativa che si occupa della produzione e commercio di frutta. Il sequestro di oggi segue quello effettuato lo scorso gennaio, il cui valore complessivo ammonta ad oltre 75 milioni di euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati