Sicilia, Editoriali

Tempo a lassa e pigghia

Oggi lunniri non ci potessimo lamentare. Non fosse per il freddo, si potrebbi dire che la Pasquetta andò bene. Certo meglio della Pasqua che fu proprio ntipatica con più acqua di quella prevista e con la scinnuta della temperatura.

Domani è prevista una bella giornata di sole, scarsa di vento il che vuol dire che le temperature si oalzeranno un poco ma solo nelle ore più caldose della giornata. Così, con la mattinata alle otto, ci saranno 10 gradi, che è temperatura immernale. Ma verso le due di doppopranzo, se ne sale a 19 e menzo che è di nuovo temperatura primaverile.

Ma il cielo sarà, per quasi tutta la giornata, senza nuvole. Solo alla scurata si copre un pochino perché poi prepara un poco di giorni in cui, mi dispiace dirvelo, il tempo sarà un poco a lassa e pigghia, un corpo buono, un corpo tinto, magari nella stessa iurnata.

Il pobblema è che verso la Sbezzia e la Scozzia ci sono zone di malotempo terribile che si vanno cataminando di qaa e di la. Ora domani sopra tutta l’Italia dice che c’è una bella aria di altra pressione che ci dice alle petturbazioni: iti a rubari o largo. Ma non dura tanto assai nel senso che questa aria di alta pressione che ci protegge dal malotempo, a sua volta si catamia e non sempre riesce a fare il suo dovere. E quando succede questo ecco che, zammete, si infila il malotempo.

Questa situazione, purtroppamente, durerà una para di simanate e, forse, mente a rischio pure la scampagnata del 25 aprile, festa della liberazione. Ma io spero di potervi raccontare che quest’anno la festa sarà per la Liberazione dell’invernata in modo definitivo. Cosa che ancora non si può dire.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati