Trapani, aggredita e picchiata perchè vuole smettere di prostituirsi: 7 arresti

Il raid punitivo nei confronti della ragazza lo scorso 16 marzo. I provvedimenti, emessi dal Gip Antonio Cavasino ed eseguiti dalla Squadra mobile, ipotizzano i reati di violazione di domicilio aggravata e lesioni gravi aggravate in concorso

TRAPANI. Sette persone, tra le quali una donna trapanese e i suoi quattro figli, sono state colpite da misure cautelari con l'accusa di aver organizzato una spedizione punitiva contro una donna che voleva smettere di prostituirsi. Gli indagati sono Maria Grammatico, pregiudicata, di 55 anni, arrestata assieme ai figli Paola Veronica Mannone, 26 anni, Salvatore Mannone, 29 anni e Loredana Mannone, 33 anni (a quest'ultima è stata sottoposta ai domiciliari), mentre per un quarto figlio, Alessandro Francesco Mannone, pregiudicato di 21 anni, è stato disposto l'obbligo di dimora nel Comune di Trapani. Ordini di custodia cautelare in carcere sono stati notificati anche al marito di Veronica Mannone, Giuseppe Cusenza, pregiudicato di 31 anni, e a Davide Mannone, pregiudicato di 29 anni (omonimo non parente degli altri). 


I provvedimenti, emessi dal Gip di Trapani Antonio Cavasino ed eseguiti dalla Squadra mobile, ipotizzano i reati di violazione di domicilio aggravata e lesioni gravi aggravate in
concorso. Maria Grammatico deve rispondere anche di sfruttamento della prostituzione. Secondo l'accusa sarebbe stata lei a indurre a prostituirsi una donna che successivamente si sarebbe ribellata. Per questo motivo la donna fu sottoposto lo scorso 16 marzo a un pestaggio con bastoni e coltelli. Nel corso del raid punitivo fu sparato anche un colpo con un fucile ad aria compressa, contro il marito della vittima, che fu raggiunto a un occhio. Le violenze furono consumate davanti ai figli piccoli della coppia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati