Si spacciano assistenti per truffare anziana, fermate 2 donne

CAGLIARI. Si spacciavano per assistenti sociali riuscendo ad entrare nelle abitazioni dei pensionati dove hanno cercato di estorcere del denaro ma le due donne sono state bloccate dai carabinieri di Sant'Andrea Frius, in collaborazione con i militari delle stazioni di San Nicolò Gerrei e Donori. In carcere è finita Maria Spallino di 37 anni, di Palermo, mentre è stata denunciata a piede libero una giovane di 22 anni, di Catania, con l'accusa di tentata truffa aggravata. Le due ieri mattina si sono introdotte nel cortile dell'abitazione di una pensionata utraottantenne di Silius, presentandosi come assistenti sociali del Comune, e dopo aver acquisito informazioni sul nucleo familiare dell'anziana e sulla presenza di altre persone in casa, hanno cercato di circuirla nel tentativo di entrare per controllare la casa, verificare la data di scadenza dei medicinali in uso e anche per poter scacciare il malocchio, naturalmente il tutto dietro un compenso in denaro. Alla richiesta dell'anziana di farsi assistere dai carabinieri, però, le due donne hanno desistito fuggendo su una Mercedes. La vittima della tentata truffa ha chiamato il 112 per raccontare quanto accaduto e la Compagnia di Dolianova ha inviato i militari che hanno bloccato poco dopo l'auto sulla SS 387 nei pressi di Donori. Gli stessi carabinieri sei mesi prima avevano già denunciato Spallino sempre per tentata truffa ai danni di un'altra anziana donna di Sant'Andrea Frius. L'ultima vittima di ieri era stata preventivamente informata, sulla possibilità di truffe nei confronti di anziani, nel corso di alcune visite effettuate dai carabinieri della stazione nell'ambito del progetto di prevenzione di sensibilizzazione della popolazione svolto dai militari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati