Finocchiaro, Pd e Lombardo? Questione molto delicata

Il presidente dei senatori del Partito democratico da Catania: "C'é anche una direzione regionale che se ne occuperà. Io penso che una valutazione dentro al partito, con gli organismi eletti, sia la migliore delle soluzioni"

CATANIA. "C'é anche una direzione regionale che se ne occuperà. Io penso che una valutazione dentro al partito, con gli organismi eletti, sia la migliore delle soluzioni per affrontare una questione molto, molto delicata". Lo ha detto il presidente dei senatori del Partito democratico, Anna Finocchiaro, rispondendo alle domande dei giornalisti sull'imputazione coatta per concorso esterno all'associazione mafiosa disposta dal Gip di Catania per il presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo.
La senatrice è nel capoluogo etneo, invitata dalla locale università, per tenere, nella facoltà di Scienze politiche, una lectio magistralis sul 'Il Parlamento al tempo del Governo tecnico'.
Anna Finocchiaro ha anche risposto alla domanda di un cronista che le ha fatto notare come negli ultimi decenni, tranne poche eccezioni, il destino dei presidenti della Regione Siciliana sono sempre stati segnati da problemi giudiziari. "Non ricordo a memoria tutto - ha rispondo il presidente dei senatori del Pd - ma il contesto, come diceva Sciascia, è assai influente...".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati