Strade dissestate e tempi lunghi Ferma la task force del Comune

Tra i casi più gravi nel quartiere Uditore. Ecco gli interventi previsti

PALERMO. La città sprofonda e sul più bello scorrono i titoli di coda sulla task force orchestrata dal Comune per tamponare l'emergenza-buche. Un silenzio preoccupante che lascia molte questioni in sospeso.
Sì, perché l'attuale vuoto politico di Palazzo delle Aquile si è infatti trascinato appresso anche conseguenze sulle strade cittadine. La «rivoluzione dell'asfalto» a questo punto si complica. In assenza della giunta, negli ultimi due mesi, si è così raffreddato il lavoro del «pool anti-buche».
Un progetto partorito un anno e mezzo fa e che vede protagonista il settore comunale delle Manutenzioni con Amap, Amia, Amg, vigili urbani e Suap (sportello unico attività produttive), fra gli altri. Tanti gli obiettivi: chiarire sul nascere le responsabilità, evitando i soliti interminabili ping-pong tra i vari uffici e le incertezze sulle riparazioni, accorciare i tempi di intervento, pianificare la gestione dei sopralluoghi e le procedure da adottare a fatto appena avvenuto. Il team fino a poche settimane fa si riuniva con cadenza quindicinale, poi il brusco stop.
Il generale inverno intanto si è ritirato e ha lasciato segni profondi sulla «pelle» della città. Come ad esempio nel quartiere Uditore. Tante buche, tutte ravvicinate, da via Gandolfo a via Nuzzo. Il caso limite però è quello di via Ferdinando Di Giorgi, a due passi da via Uditore, dove ieri ha fatto tappa il camper del Giornale di Sicilia. Tre squarci nel raggio di 150 metri, da un anno e mezzo. Uno in curva, proprio sulle strisce perdonali, altri due invece sul marciapiede ad angolo con via Telesino.
Senza un vero coordinamento, affiorano antichi disagi. In attesa della «riesumazione» della famigerata task force, le squadre Amia continuano, in solitaria, la manutenzione ordinaria delle strade. Sta per essere ultimato il rifacimento del manto di via Antonio Marinuzzi, una traversa di via Gaspare Palermo (zona Oreto). Un'altra squadra è al lavoro in via Ur10 (Uditore).
Prossimi interventi in calendario: via Sacco e Vanzetti, allo Sperone, e via Raffadali, nei pressi dei Quattro Canti. Sono invece fermi al palo i lavori in via Giafar. «Lì abbiamo avuto dei rallentamenti - spiegano dagli uffici dell’Amia - perché il traffico rende difficile gli interventi. Contiamo di finire nei prossimi giorni».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati