Albanese: "Prorogare il commissariamento di Palermo"

Il presidente di Confindustria: "E' necessario fino a quando non ci saranno programmi seri e credibili per la città e non scenderanno in campo le energie migliori della politica. Lo chiediamo a nome delle 530 imprese che fanno parte della associazione e che occupano circa 60 mila persone"

PALERMO. «Si proroghi il commissariamento del Comune di Palermo, fino a quando non ci saranno programmi seri e credibili per la città e non scenderanno in campo le energie migliori della politica. Lo chiediamo a nome delle 530 imprese che fanno parte della associazione e che occupano circa 60 mila persone». È la provocazione lanciata dal Presidente di Confindustria Palermo Alessandro Albanese, durante una conferenza stampa.


«La politica è evanescente, i partiti sono evanescenti - ha aggiunto - e ancora non ci ha detto come vuole risolvere le emergenze della città che è in ginocchio». Confindustria ritiene obbligatorio che«i leader delle forze politiche, personalmente e direttamente scendano in campo e si assumano il dovere di risollevare la città».


«La politica - ha detto Albanese - è in uno stato di degenerazione peggio del 1992». A chi chiede se è possibile prorogare il commissariamento il presidente provinciale della associazione degli industriali ha risposto«se non si presentano le liste giorno 11, si potrebbe anche fare»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati