Consulta, Buzzanca decade da deputato regionale

La decisione nei confronti del sindaco di Messina è arrivata dalla prima sezione civile del tribunale di Palermo

MESSINA. La prima sezione civile del tribunale di Palermo ha dichiarato oggi decaduto dal ruolo di deputato regionale siciliano, il sindaco di Messina Giuseppe Buzzanca. Lo ha reso noto l'avvocato Antonio Catalioto che nel ricorso difendeva Antonio D'Acquino che ora potrebbe subentrare a Buzzanca come deputato regionale. La Consulta con una propria decisione aveva detto no al doppio incarico.
Dopo la decisione della Consulta Buzzanca non si è dimesso da una delle due cariche e la vicenda era finita alla commissione verifica poteri dell'Assemblea regionale siciliana. Al momento di votare la proposta di incompatibilità la commissione, riunita in seduta pubblica, non ha raggiunto la maggioranza prevista dal regolamento: 5 i voti a favore dell'incompatibilità (i quattro componenti del Pd e il deputato del Mpa), 4 quelli contrari (Pdl e Pid) e un astenuto (il presidente dell'Ars, Francesco Cascio del Pdl) che per regolamento equivale al voto contrario. Quindi la vicenda per l'Ars si chiuse lì anche perché vi era il procedimento davanti al tribunale civile dopo il ricorso presentato dal primo dei non eletti nel collegio di Messina, Antonio D'Aquino (Pdl).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati