Lampedusa, i migranti morti in una fossa comune

Poco spazio al cimitero per seppellire i corpi dei cinque extracomunitari. Allerta nel Canale di Sicilia, ma non sono arrivati altri barconi

LAMPEDUSA. I corpi dei cinque migranti deceduti durante il viaggio della speranza saranno sepolti in una piccola fossa comune che ospiterà le are nel cimitero di Lampedusa. Lo spazio è esiguo, come in quasi tutti i cimiteri dei piccoli comuni. Un unico scavo per accogliere cinque corpi senza nome.
Intanto, nel Canale di Sicilia si susseguono le segnalazione e mezzi aerei e navali setacciano le acque, ma non sono arrivati barconi e non ci sono stati avvistamenti, nonostante le condizioni del mare incoraggino i viaggi. Ieri dall'isola sono state portate via 167 delle 273 persone arrivate in tre distinti sbarchi. I migranti, che erano stati provvisoriamente sistemati in un residence di Cala Creta, sono saliti sul traghetto "Palladio", diretto a Porto Empedocle. Sulla nave di linea, mentre era in navigazione, sono stati trasbordati anche i 107 soccorsi ieri in acque libiche dal rimorchiatore Asso 30.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati