Due italiani rapiti dai maoisti

Sono Paolo Bosusco, guida trekking, originario di Torino e Claudio Colangelo, romano, 61 anni. Secondo i ribelli facevano "riprovevoli fotografie" a donne che facevano il bagno

ROMA. Rapiti dai maoisti due italiani nella zona di Surada, al confine fra i distretti di Kandhamal e Ganjam, nello Stato nord-orientale indiano di Orissa. Si tratta di Paolo Bosusco e Claudio Colangelo.
Il rapimento sarebbe avvenuto due giorni fa, quando i due, secondo i maoisti, realizzavano «riprovevoli fotografie» a donne che facevano il bagno in un fiume. Il leader dei maoisti in Orissa, Sabyasachi Panda, ha sostenuto che si deve aprire subito una trattativa sul documento contente 13 rivendicazioni diffuso dal movimento nel febbraio 2011.
Paolo Bosusco, di Condove (Torino), è titolare di un'agenzia viaggi, l'Orissa Adventurous Trekking, nella città di Puri, specializzata nello studio delle tribù della regione. Claudio Colangelo, romano di 61 anni, era con Bosusco il 12 marzo proprio da Puri per un trekking di cinque giorni. La Farnesina ha confermato il rapimento.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati