Priolo, tensione tra operai nella raffineria

Gli scontri sono avvenuti quando i dipendenti dell'Isab hanno forzato un presidio organizzato nella portineria dello stabilimento da alcuni operai edili dell'indotto, che aspettano di essere ricollocati in base ad accordi firmati in Confindustria a Siracusa

PRIOLO. Tensione tra operai davanti la Raffineria dell'Isab Sud nel Petrolchimico di Priolo, dove è intervenuta la polizia per separare alcuni lavoratori che si sono affrontati con urla e spintoni. Gli scontri sono avvenuti quando i dipendenti dell'Isab hanno forzato un presidio organizzato nella portineria dello stabilimento da alcuni operai edili dell'indotto, che aspettano di essere ricollocati in base ad accordi firmati in Confindustria a Siracusa.


Gli edili sono stati affiancati da gruppi di operai metalmeccanici, in segno di solidarietà. «Senza alcun senso di responsabilità, l'Isab ha fatto pressione sui propri dipendenti costringendoli a forzare il presidio pacifico - riferisce Tonino Recano della Fiom siracusana - a quel punto si sono accesi i tafferugli». Gli operai dell'indotto in questo momento sono riuniti in assemblea permanente fuori dalla Raffineria, attuando il blocco degli straordinari. Il clima è molto pesante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati