Sicilia, Politica

Palermo, per Fli ed Mpa intesa su Aricò

Bocchino lo indica come candidato sindaco del Terzo Polo: “Costruiremo una lista alternativa alla sinistra e alla gestione fallimentare di Cammarata”

ROMA. Il coordinatore provinciale palermitano di Fli, e deputato regionale, Alessandro Aricò è stato designato ufficilmente come candidato sindaco di Palermo da Fli e Mpa, dopo la riunione che si è appena conclusa tra i vertici dei due partiti.

L'annuncio era arrivato in mattinata dal vicepresidente di Futuro e Libertà Italo Bocchino: "Costruiremo a Palermo una lista del Terzo polo alternativa alla sinistra e alla gestione fallimentare di Cammarata" dice Bocchino che commenta la decisione del candidato Costa di aprire al Pdl "una prova di tafazzismo. Ora - commenta - non ha più noi di Fli, non ha Lombardo e non si sa se avrà il Pdl e l'Udc". Alessandro Aricò, 36 anni, è deputato regionale e coordinatore provinciale dei futuristi, è appoggiato anche da Alleanza per la Sicilia (Aps) e dalla lista formata dagli assessori regionali Massimo Russo e Gaetano Armao. "Abbiamo grandi possibilità di arrivare al ballottaggio - dice Aricò - Apriamo agli amici del Terzo polo: all'Udc, all'Api e anche a Grande Sud".


ARICO': ORA CON MPA E APS, GUARDIAMO ALL'API. "Costa aveva posto il termine della pacificazione, ma la pacificazione non si può proporre solo ad una parte. Per questo abbiamo definito una linea con l'Mpa di Lombardo, con l'Alleanza per il Sud (Aps), e speriamo di concludere in termini positivi anche un'alleanza con l'Api per creare una coalizione che possa esprimere il meglio della politica in campo". Lo dice il candidato sindaco per Fli e Mpa a Palermo, Alessandro Aricò che aggiunge: "Stiamo vedendo grande confusione. C'é - sottolinea - un'apertura chiara di Costa al Pdl, ma questo non sembra aver preso ancora una decisione. La stessa cosa per il Pid, che non ha ancora deciso se stare con una sua candidata, Marianna Caronia, oppure appoggiare il futuro candidato del Pdl. Grande Sud - prosegue - probabilmente avrà come candidato Costa, ma a loro chiediamo di ripensarci. Mentre speriamo che l'Udc possa stare con la sua naturale coalizione, il Terzo polo, ricompattandoci sullo stesso progetto politico". "Le amministrative di Palermo - si legge in una sua dichiarazione sul sito di Fli - hanno un valore politico, come se si votasse al Parlamento nazionale. Al primo turno dobbiamo assolutamente serrare i ranghi del Terzo polo lasciando a sinistra il Pd e le associazioni che hanno voluto concorrere alle primarie, dall'altro lato il centro destra con il Pdl e il Pid coi quali in questa fase sicuramente non ci si potrà sedere allo stesso tavolo" conclude.


LOMBARDO: ARICO' SEGNA DISCONTINUITA'. "Aricò segna una discontinuità rispetto all'ultima fase dell'amministrazione Cammarata; è un candidato giovane, una persona seria, un uomo con una grande esperienza di amministratore. Il mio impegno al suo fianco sarà incondizionato". Lo dice il governatore della Sicilia e leader del Mpa, Raffaele Lombardo, in conferenza stampa assieme ad Alessandro Aricò e ai dirigenti di Fli e Alleanza per la Sicilia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati