Arresti per via D'Amelio, contestati anche i fini terroristici

CALTANISSETTA. Agevolare l'associazione mafiosa e avere agito anche per fini terroristici. Sono le aggravanti contestate dalla Procura di Caltanissetta al boss Salvatore Madonia, in qualità di mandante, e ai presunti esecutori della strage di via D'Amelio, Vittorio Tutino, Salvatore Vitale e il pentito Gaspare Spatuzza. E' la prima volta che questo tipo di reato è ipotizzato per le stragi di mafia commesse nel 1992 a Palermo, in cui morirono i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e le loro scorte. Secondo i pm Borsellino sarebbe stato ucciso perché si opponeva alla trattativa tra Stato e mafia ed era dunque, considerato un ostacolo.
Secondo il Gip di Caltanissetta, Alessandra Bonaventura Giunta, che ha firmato l'ordinanza cautelare, "deve ritenersi un dato acquisito quello secondo cui a partire dai primi giorni del mese di giugno del 1992 fu avviata la cosiddetta 'trattativa' tra appartenenti alle istituzioni e l'organizzazione criminale Cosa nostra". Il giudice sottolinea come, però, "con riferimento al possibile coinvolgimento nella strage di via D'Amelio di soggetti esterni a Cosa nostra non sono emersi elementi di prova utili a formulare ipotesi accusatorie concrete a carico di individui ben determinati".
Il giudice invita a "non parlare di conclusione della vicenda", ritenendo che occorrono "ulteriori approfondimenti", perché, spiega, "le indagini sulla strage sono state vulnerate dalla velenosa convergenza di fonti infide, fonti reticenti, silenzi e contorti comportamenti di soggetti, purtroppo anche appartenenti alle Istituzioni, che hanno compromesso il difficile percorso di accertamento dei fatti, prima ancora che delle responsabilità".
Il Gip sottolinea come l'inchiesta sia frutto di "un lungo e meticoloso lavoro investigativo condotto per tre anni dalla Dda della Procura di Caltanissetta" che ha "svolto un pregevole lavoro".
L'inchiesta è coordinata dal procuratore capo di Caltanissetta, Sergio Lari, dagli aggiunti Amedeo Bertone e Domenico Gozzo, e dai sostituti Nicolò Marino, Gabriele Paci e Stefano Luciani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati