Riina jr. a Padova: Onlus nella bufera

Le polemiche della Lega Nord sull'arrivo del figlio del capo di Cosa Nostra hanno spinto la presidente Tina Ciccarelli a rassegnare le dimissioni

PADOVA. Le polemiche della Lega Nord sul prossimo arrivo a Padova di Giuseppe Salvatore Riina hanno spinto la presidente della onlus, alla quale il figlio terzogenito del boss di Cosa Nostra sarà affidato, a rassegnare le dimissioni.  A far arrabbiare Tina Ciccarelli, fondatrice dell' associazione «Noi famiglie padovane contro l'emarginazione», è stato il riferimento fatto da alcuni esponenti del Carroccio, come riporta il Corriere del Veneto, ai suo trascorsi giudiziari. Nel criticare aspramente il soggiorno in terra veneta di Riina, la Lega aveva ricordato che la donna era stata sorpresa nel 1994 dalla Guardia di finanza con addosso un chilo di hashish e 13 grammi di eroina e quindi arrestata per spaccio di droga.


«Mi sono dimessa - spiega Ciccarelli - perchè non sono come Bossi che dice a Boni di non rassegnare le dimissioni». La presidente dice che la sua rinuncia alla carica è da considerarsi al momento irrevocabile, anche se l'associazione le avrebbe chiesto con insistenza di ripensarci. Quanto accaduto, promette, non modificherà comunque i programmi relativi all' arrivo di Riina a Padova. «Arriverà modestamente come tutti gli altri - sottolinea Ciccarelli - e gli verrà affiancato un nostro operatore che ha grande esperienza carceraria».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati