Livorno, autista siciliano sbranato da cani randati

Secondo una prima ricostruzione dell'Arma Vito Guastella, che lavorava per la ditta Marco Polo di Alcamo (Trapani), stava lavorando per agganciare il rimorchio alla motrice quando sarebbe stato attaccato dal branco

LIVORNO. Sarebbe stato ancora vivo al momento dell'aggressione del branco di cani il camionista di 50 anni che è stato trovato morto in un piazzale di Collesalvetti (Livorno). Emerge dai primi accertamenti dei carabinieri.   Secondo una prima ricostruzione dell'Arma l'autista, Vito Guastella, che lavorava per la ditta Marco Polo di Alcamo (Trapani), stava lavorando per agganciare il rimorchio alla motrice quando sarebbe stato attaccato dal branco.


Sempre stando ai primi rilievi le tracce di sangue e i brandelli dell'abbigliamento dell'uomo (la cintura è stata spezzata a metà) sarebbero state trovate in un'area di svariati metri quadrati. Ad accorgersi di quanto accaduto un altro dipendente della ditta la cui attenzione è stata attirata dal camion della vittima che si trovava fermo con il motore acceso. Sulle cause del decesso la Procura ha comunque disposto l'autopsia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati