Sicilia, Editoriali

Freddo a tradimento

Carissimi amici, ieri abbiamo avuto un pomeriggio di freddo con una bella giornata. Modestamente a parte Meteobilli ve lo aveva detto e per ora ci inserta sempre. Il pobblema è come si comportano i pirsoni quando il cielo è bello, c’è u suli ma c’è freddo. Vi racconto che io ieri pomeriggio ero a viale delle Scienze perché  andai all’Università ca me niputi si laureò di cose di architetto. Ora io di tutte queste cose dell’università non ne so parlare perché il coccio di lettura non è cosa mia. Ma mio nipote sì ha pigliato un poco di tempo, e, sapiddo come ce la impupò, ma certo è che alla fine ci misero una specie di corona in testa e c’era una partita di granni con un falaro nero attipo jurici che ci dissero: bravo, lei non pare ma è architetto. E tutti ci batterono le mani. A lui e a un’altra trentina di picciuttunazzi (di cui qualcuno pure quarantino e magari) e belle signorine ca io pensavi che c’era quarcuna che più che architetta mi pareva arciminna. Doppo la certificata nisceru tutti fuora cha c’era un vento freddo che tagghiava la faccia. Ma siccome festa è e festa deve essere, tutti si comportavano come se erano al locale.
Come mi hanno spiegato, quando uno si prende la laurea è occasione elegante e uno ci va a fare prio vestito bello assistimato. Così ieri c’erano signore col cappello (ca ci vuleva ma puru ci vulava) il vestitino di sciffon, il tacco ca pareva una canna pi stenniri, la borsetta di vernice e a pelliccia di lapin ca è l’unica cosa che insertarono. Cerano pure un poco di persone anziane che stavano le meglio di tutti perché avevano la faccia come addisignata  cu zappuneddu, facci abituati a stare al sole o allo stravento, facci cogli occhi ca ti taliano senza scanto, facci di gente chi parra picca, ca magari avi a zappa nna machina e una cravatta sula. Ma su l’unici che allo stravento freddo non ne sentono e fanno fiura in menzo a una poco di professori, di medici, ri ‘ncigneri ca ci trema u varbarotto picchì su abituati alle pompe di calore (beddamatri ma picchì un mi piaci sta palora?) o all’aria confezionata.
U bar ca c’è dentro l’università arricchiu di quanto spumante potte vendere. A gruppi e tinennusi chi mano scanto quarcuno volava e si perdeva verso… dunque, ieri pomeriggio tirava Tramontana che viene di Nord… quindi si si portava a quarcuno, lo consegnava grittu grittu a tra Giacalone e u Parco. Insomma tutti si tenevano e non volò nessuno. Poi le fotografie. Avanti mentiamoci  tutti insieme. Zia Nenè, pure tu, avanti. Vincenzo aiuta a zza Nenè ca u friddu ci broccò u perno i l’anca. Io i vulissi viriri sti fotografie dove tutti stanno incazzolendo dal freddo.
Poi c’è la brindata cu laureato ca grapi a buttigghia di sciampagna ca pare Fittipardi ca ci tira u stuppagghiu a Pichè (minchia chi sugnu antico…) doppo un gran premio di Montecarlo. Questo fatto, pero, ca si deve brinnare col bicchire di brastica a me non mi confinfera perché uno non è conto che brinna e dice “cin cin”. U scruscio lo devono fare i bicchieri,. È giusto?. Insomma erano tutti la che non vedevano l’ora di irisinni alla faccia del laureato. Va bene, carissimo, bravo, comprementi, signora… ha visto che bello figlio ca ci vinni. Io purtroppamente devo scappare, sa com’è: u travagghio non ti molla mai… su stuia bene signora, tante belle cose. Oppure: Rosyyyyy, amunì che mi devo andare a comprare i legghin e devo approfittare che il parrucchiere è chiuso e sciampi non ne devo fare.
Nel gruppo di mio nipote… l’unico fora via ero io picchi rici ca fazzu ririri ai siddiati. In effetti qualche siddiatu c’era e mancu u l’urtimu ra cumpagnia. Comunque. Ma me niputi…ah me niputi… Beddu come u suli, ca curuna ca siddu avissi avutu a varba ci faceva concorrenza a Gesù Cristo, giacchino e cravattina troppo di lusso, facci rilassata. Chi si nni futteva iddu ru vfriddu? Tirava Tramontana ma siddu avissi stato Scirocco quella facci non cambiava. E so matri su taliava ca mancu a Ricciard Giri. Ogg sarà come ieri ma con un poco meno di freddo e di matina ci sarà un poco di negghia perché c’è umito. Cummigghiativi. Ah, vi saluta me niputi, l’architetto: e viri chi manci!!

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati