Profumo a Palermo tra Zen e contestazioni