Mafia, sequestro da un milione e mezzo a fedelissimo di Provenzano

La confisca nei confronti di Salvatore Martorana, 86 anni, di Palermo ma residente a Vittoria, già condannato a sei anni. Avrebbe avuto un ruolo nella distribuzione dei pizzini del boss quando era latitante

CALTANISSETTA. Beni per un valore complessivo di oltre 1,5 milioni di euro sono stati sequestrati e confiscati dalla Direzione Investigativa Antimafia di Caltanissetta a Salvatore Martorana, 86 anni, originario di Casteldaccia (Palermo) ma residente a Vittoria (Ragusa), condannato a sei anni di reclusione per concorso in associazione mafiosa.
Il provvedimento, disposto dal Tribunale di Caltanissetta a seguito di una serie di indagini patrimoniali coordinate dal Procuratore Sergio Lari, dall'aggiunto  Domenico Gozzo e dal sostituto Gabriele Paci, riguarda un esponente "stabilmente inserito nel circuito relazionale deputato alla veicolazione dei cosiddetti pizzini riconducibili a Bernardo Provenzano, all'epoca ancora latitante".
Il ruolo di Martorana era emerso nel contesto delle attività investigative legate alla cattura del capo di Cosa Nostra. In particolare, attraverso il monitoraggio dei movimenti effettuati sull' intero territorio siciliano da parte degli esponenti della famiglia Ferro di Canicattì.
Gli investigatori avevano accertato come l'anziano possidente non fosse altro che il terminale, nel territorio ragusano, dei messaggi inviati dal superlatitante. Martorana, inoltre, in numerose occasioni aveva messo a disposizione le aziende agricole da lui possedute in quella zona, al fine di permettere lo svolgimento di summit mafiosi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati