Cassa integrazione in calo "Preludio della disoccupazione"

L'allarme della Cgil, secondo cui la diminuzione delle ore a gennaio è un segnale negativo. "Ci sono oltre 70 mila esodati che si trovano in una situazione disperata: senza lavoro e senza pensione"

ROMA. La cassa integrazione a gennaio è calata a 54,9 milioni di ore (-26,7% su dicembre, -8,5% su gennaio 2011) ma questa riduzione è il segnale di una "progressiva transizione verso la disoccupazione". Lo sostiene la Cgil precisando che nel mese erano in cassa 312.000 lavoratori in media con 675 euro in busta paga in meno.
"La cassa integrazione inizia il 2012 con un calo significativo, segnale di "una progressiva transizione verso la disoccupazione". I numeri, secondo l'Osservatorio cig del dipartimento settori produttivi della Cgil, "nascondono 312 mila lavoratori coinvolti nei processi di cassa, con un taglio netto del reddito per circa 211 milioni di euro, pari a circa 675 euro per ogni singolo lavoratore".
"E' una situazione che non consente ottimismi in un paese entrato nell'incubo della recessione - rileva il segretario confederale della Cgil, Vincenzo Scudiere - a fronte della riduzione della cassa c'é un contestuale aumento del livello di disoccupazione e di mobilità, così come il calo di quella in deroga è il segno della conclusione o della mancata approvazione dei finanziamenti delle regioni. Siamo in piena emergenza, aggiunge, dobbiamo occuparci delle criticità dettate dalla crisi". Secondo la Cgil bisogna "garantire gli strumenti di tutela e dare risposta agli oltre 70 mila "esodati" che si trovano in una situazione disperata: senza lavoro e senza pensione".
A gennaio, considerando un ricorso medio alla cig, pari cioè al 50% del tempo lavorabile globale (2 settimane), spiega la Cgil, sono coinvolti 624.786 lavoratori in cigo, cigs e in cigd. Se invece si considerano i lavoratori equivalenti a zero ore, pari a 4 settimane lavorative, si determina un'assenza completa dall'attività produttiva per 312.393 lavoratori, di cui 121 mila in cigs e 75 mila in cigd. Continua così a calare il reddito per migliaia di cassintegrati: dai calcoli dell'Osservatorio cig, si rileva come i lavoratori parzialmente tutelati dalla cig abbiano perso nel loro reddito 210.800.000 euro, pari a 675 euro per ogni lavoratore".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati