Fisco, boom di controlli in Sicilia

Nel Siracusano scoperti dalla guardia di finanza undici evasori totali. Recuperati oltre diciotto milioni

SIRACUSA. La guardia di finanza ha scoperto 11 evasori fiscali totali nel Siracusano, recuperando a tassazione oltre 18 mln. I contribuenti operano illegalmente in varie attività economiche. Ad Augusta è stato scoperto un supermercato che, nell'ultimo biennio, è rimasto totalmente sconosciuto al fisco, occultando oltre 2,5 mln di ricavi e Iva per oltre 300 mila euro.
Sempre ad Augusta, un'impresa addetta alla fabbricazione di macchine per industrie chimiche e petrolchimiche non aveva presentato dichiarazioni dei redditi addirittura dal 2006. Nonostante gli ingenti ricavi ottenuti, lavorando anche con aziende del Trentino Alto Adige, l'impresa ha nascosto oltre 2 mln e non ha versato Iva per 420 mila euro. A Carlentini è stata contestata un'evasione su 4 mln di ricavi non dichiarati dal 2007 a una società di autotrasporti che ha omesso anche versamenti dell'Iva per 840 mila euro.
A Francofonte, un'azienda agrumicola che distribuisce i propri prodotti nel Centroitalia, in particolare in provincia di Siena, dal 2007 non dichiarava redditi, evadendo oltre 4 mln e Iva per 200 mila euro.
Un'impresa edile di Noto, oltre ad avere evaso nell'ultimo anno più di 200 mila euro, ha emesso fatture per operazioni risultate alla fine inesistenti, e prodotte a favore di una società, nei cui confronti i controlli sono ancora in corso, per oltre 150 mila euro. Accertamenti anche a Siracusa su due società: una opera nel settore dell'abbigliamento, l'altra dell'edilizia, che non versavano imposte dal 2006, evadendo 2,3 milioni e Iva per per mezzo mln. Le due società erano state poste in liquidazione volontaria.
I responsabili di una delle società avevano anche ceduto due rami dell'azienda ad altrettanti sodalizi sui quali sono in corso specifici accertamenti. Infine, a Canicattini Bagni, a un imprenditore edile che dal 2007 non presentava la dichiarazione fiscale, è stata contestata un'evasione Iva di 200 mila euro e, sui redditi, di circa 120 mila euro, oltre a ritenute Irpef operate nei confronti di lavoratori dipendenti (ma mai versate) per circa 13 mila euro.
Tutti i contribuenti 'illegali' sono stati segnalati all'Agenzia delle entrate e denunciati alla procura della Repubblica di Siracusa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati