Fatture false, scoperto giro da 30 milioni

Nel mirino della Direzione regionale della Sicilia dell'Agenzia delle entrate sono finite le sponsorizzazioni nelle corse di rally. Sarebbero stati ceduti spazi pubblicitari inesistenti per le auto e per i cartelloni durante le gare. Coinvolte 10 regioni.

CALTANISSETTA. Le sponsorizzazioni delle auto da corsa servivano solo a gonfiare i costi per abbattere l'imponibile. Un giro di fatture false, per circa 30 mln, è stato scoperto dai funzionari del nucleo antifrode della Direzione regionale della Sicilia dell'Agenzia delle entrate nel settore dei rally automobilistici. L'operazione, denominata 'Testacoda', è scattata dopo un controllo a un distributore di carburante, in provincia di Caltanissetta.  I sospetti sono nati da una fattura di 50 mila euro per la sponsorizzazione di un'auto da corsa, non giustificata dal volume dell'attività. Le indagini hanno svelato l'esistenza di un'organizzazione ramificata su tutto il territorio nazionale che, attraverso due società cartiere palermitane, 'costruiva costi' per migliaia di euro, cedendo spazi pubblicitari inesistenti su auto da corsa o cartelloni pubblicitari lungo i percorsi delle gare automobilistiche. Dall'attività di controllo è emerso che, tra le 10 regioni coinvolte nell'utilizzo delle false fatture, Sicilia, Lazio, Veneto e Lombardia, sono quelle che spiccano per il maggior numero di sponsorizzazioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati