Intestazione fittizia, boss Falsone condannato a 10 anni

Il pm aveva chiesto sei anni nel processo che si è svolto, in abbreviato, davanti al gup Marina Petruzzella. Il gup lo ha assolto dalla fittizia intestazione della Biofrutta srl mentre lo ha ritenuto il vero titolare dell'associazione agricola La Rotonda dei pini

PALERMO. Il boss Giuseppe Falsone è stato condannato a dieci anni di carcere per fittizia intestazione dei beni. Il pm aveva chiesto sei anni nel processo che si è svolto, in abbreviato, davanti al gup Marina Petruzzella. Il gup lo ha assolto dalla fittizia intestazione della Biofrutta srl mentre lo ha ritenuto il vero titolare dell'associazione agricola La Rotonda dei pini, entrambe di Campobello di Licata (Agrigento). Inoltre, sarebbero riconducibili al boss anche le quote del capitale sociale della Laes srl intestata a Calogero e Salvatore Paci.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati