Sicilia, Politica

Lombardo: basta sprechi, sì ai tagli delle consulenze

Il presidente della Regione firma una direttiva che contiene misure per eliminare privilegi ed eccessi nella pubblica amministrazione. Fondo di garanzie per le aziende che investono in piccoli impianti fotovoltaici

PALERMO. Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, ha annunciato che sta per firmare una direttiva che contiene misure "per eliminare sprechi, privilegi ed eccessi" nella pubblica amministrazione. "Ci sono molte cose che non vanno - ha detto il governatore incontrando i giornalisti a Palazzo d'Orleans - penso a un museo di cui si è parlato molto nei giorni scorsi (il Riso di Palermo) dove sono stati spesi centinaia di euro per diverse consulenze".
Con la direttiva, Lombardo si pone un obiettivo netto: "Taglierò in modo radicale la spesa superflua". E in questo senso, il governatore dice di avere apprezzato la nota con cui nei giorni scorsi alcuni deputati del Pd, a cominciare dal segretario siciliano Giuseppe Lupo, hanno invitato il governo a tagliare le decine di consulenze in atto alla Regione. "Ne farò tesoro", ha affermato.
Lombardo parla anche di "vincoli molto forti" che saranno inseriti nei contratti dei dirigenti generali e di obiettivi precisi che dovranno raggiungere i Dipartimenti regionali, in particolare per quanto riguarda la spesa europea.  

SICILIA E-SERVIZI.
"Scandalosi". Così il governatore Raffaele Lombardo giudica i compensi dei dirigenti di Sicilia e-servizi, la società che gestisce il piano di informatizzazione della Regione finita al centro dell'inchiesta di un'apposita commissione parlamentare, guidata da Riccardo Savona, che ha depositato all'Ars la relazione finale. "L'unico modo per interrompere questo scempio - ha detto Lombardo ai giornalisti - era la liquidazione della società, spero me ne diano atto adesso sebbene avessi tutti contro".

FONDO DI GARANZIA PER LE AZIENDE. Il governatore Raffaele Lombardo ha annunciato in conferenza stampa a Palermo la presentazione di un disegno di legge, composto da pochi articoli, che prevede un fondo di garanzia coperto dal patrimonio della Regione siciliana, per un valore stimato di circa 1 miliardo di euro, per sostenere le imprese che investono in piccoli impianti fotovoltaici.

UNA BANCA SICILIANA. "Sono convinto che il Banco di Sicilia e la Cassa di risparmio ci sono state scippate, perché valevano molto di più di quanto sborsato dai grandi gruppi per acquisirle. Dopo avere rilevato l'intero capitale dell'Irfis, stiamo lavorando per cercare di creare una nuova banca siciliana". L'ha detto il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, conversando con i giornalisti a Palazzo d'Orleans.

FONDI UE. "Anche se non siamo andati in disimpegno è vero che la spesa dei fondi europei è andata a rilento, e per accelerarla abbiamo deciso col ministro Barca di attivare un gruppo di lavoro che opererà a Roma e in Sicilia" ha detto Lombardo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati