Orlando: Pd al servizio di Lombardo

Il parlamentare dell'Idv e candidato a sindaco: "Io mi confronto al primo turno, non alle primarie. Rita Borsellino si è messa in un vicolo cieco"

ROMA. "Io mi confronto al primo turno, non alle primarie. La stranezza è nell'accordo innaturale fatto dal Pd, che si è messo al servizio di Raffaele Lombardo rinunciando a una coalizione alternativa". A dirlo l'esponente dell'Idv Leoluca Orlando, candidato a sindaco di Palermo, in un'intervista all'Unità.
"A Palermo le primarie sono aperte alla possibilità di un'alleanza con Raffaele Lombardo e con i partiti del Terzo polo. Ma il Terzo polo non è una categoria dello spirito, si tratta delle persone che hanno governato Palermo con Diego Cammarata", afferma Orlando. "Noi abbiamo tenuto aperto per un anno e mezzo un tavolo delle primarie al quale il rappresentante del Pd non ha ritenuto di partecipare. Non c'è stato un pronunciamento chiaro per l'esclusione di chi ha massacrato Palermo, quindi l'Idv sta al di fuori".
"Sono quattro mesi che supplico Rita Borsellino di non cadere nella trappola del rapporto con Lombardo", prosegue Orlando. "Rita si è messa in un vicolo cieco. Faccio una previsione: le primarie le perde, perché lei ha i voti larghi ma non quelli dell'apparato. A Palermo ci sarà un bis di Napoli, Rita farà la fine di Umberto Ranieri, alla fine vincerà il candidato di Cracolici e Lumia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati