Pd, Lupo risponde a Cracolici: "La base è con me"

Ancora polemiche tra il segretario del partito in Sicilia e il coordinatore all'Ars: "Non era il momento di parlare dei nostri problemi, ma dico: tranquilli, i risultati arriveranno"

PALERMO. A Cracolici che lo accusa di una conduzione «timorosa e ambigua del Pd», Giuseppe Lupo risponde che «in un momento in cui in Sicilia mancano perfino i beni di prima necessità è da irresponsabili polemizzare su vicende di partito». E così fra il capogruppo e il segretario la tensione aumenta e con essa la spaccatura nel Pd.



Due aree del partito l’accusano di aver fatto naufragare l’accordo col Terzo Polo. E di provocare un’altra sonora sconfitta elettorale.


«Cracolici è affetto da catastrofismo. Tutte le scelte sono state fatte insieme a lui negli organismi del partito. Il Terzo Polo non è mai nato, lo ha detto anche il leader dell’Udc Giampiero D’Alia. L’alleanza con loro, a Palermo, era vincolata al presupposto della partecipazione alle primarie. In questo senso sono loro che si sottraggono all’alleanza, non noi. E di questo non si può accusare la segreteria. E, comunque, noi volevamo essere alleati del terzo polo, non subalterni come forse Cracolici pensa».



Però, soprattutto a Palermo, anche l’alleanza a sinistra non è completa. Neppure Orlando parteciperà alle primarie. Non vede un Pd isolato?



«Io credo che si possa ancora recuperare Orlando nell’alleanza. E comunque, se lui vuole correre da solo bisogna attaccare Leoluca non me. Io e Bersani ci siamo solo assunti la responsabilità di proporre una candidatura come quella di Rita Borsellino, che ritengo sia in grado di vincere. A Palermo siamo il primo partito. Se Cracolici frequentasse di più i nostri circoli si renderebbe conto di cosa chiedono gli elettori e la gente in generale».



Quindi lei va avanti con l’alleanza a sinistra e non con il terzo polo?


«Io resto alle decisioni prese nella direzione regionale di giugno. Ma prendo atto che il terzo polo è a brandelli. Leggo che Cracolici definisce quello attuale un governicchio. E gli ricordo che io ho proposto le elezioni anticipate. E sono ancora di questa idea, visto che non è col ribaltone che si risolvono i problemi. Se anche Cracolici ha cambiato idea sul governo, sia conseguente. Io però non butterei la croce addosso agli assessori tecnici. Se il governo non funziona è perchè Lombardo non concorda le decisioni con i partiti della maggioranza».



Non teme una mozione di sfiducia?


«Non ne vedo il motivo. I risultati arriveranno. Vinceremo le elezioni».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati