Liberalizzazioni, largo ai giovani e maggiore concorrenza

ROMA. Ecco i punti principali del decreto sulle liberalizzazioni.

LIBERTÀ DI INIZIATIVA ECONOMICA. Il decreto punta a rendere massima la libertà d’avviare un’attività economica, eliminando permessi preventivi, autorizzazioni, limiti numerici e licenze, tranne in casi particolari che saranno determinati da regolamenti governativi.



CONTI CORRENTI E BANCOMAT. Arriva il conto corrente bancario di base. Sarà un decreto, in assenza di una convenzione con l'Abi, a fissarne i criteri. Si stabilisce anche l'individuazione ex lege delle commissioni che le banche applicheranno sui prelievi fatti con Bancomat.



ASSICURAZIONI AUTO. Se si installa la scatola nera in auto i costi sono a carico delle assicurazioni che praticheranno anche uno sconto sull'Rc auto. Gli intermediari di assicurazioni dovranno inoltre fornire informazioni sulle altre condizioni contrattuali proposte da almeno tre diverse compagnie assicurative non appartenenti a medesimi gruppi.



CONTRASSEGNI RC AUTO. La bozza del decreto liberalizzazioni entrata in Cdm prevede la sostituzione, nel giro di 6 mesi, degli attuali contrassegni cartacei con sistemi elettronici o telematici, con finalità anti-falsificazione.



FALSE PERIZIE SINISTRI. Rischio carcere fino a cinque anni e radiazione dall'albo per i periti assicurativi che accertano e stimano falsamente danni a cose conseguenti a sinistri stradali da cui derivi il risarcimento a carico della società assicuratrice.



ASSICURAZIONI PER MUTUI. Chi contrae un mutuo potrà scegliere fra almeno due gruppi assicurativi, presentati dalle banche, con il quale stipulare il relativo contratto di assicurazione.



TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Le sezioni specializzate in materia di proprietà industriale e intellettuale esistenti in alcuni tribunali diventano "sezioni specializzate in materia di impresa". Le sezioni saranno competenti, tra l'altro, in materia di controversie su proprietà industriale, concorrenza sleale, diritto d'autore, class action, cause tra soci.



TARIFFE PROFESSIONALI. Sono abrogate tutte le tariffe professionali, sia minime sia massime per rendere libera la contrattazione tra il professionista e il cliente. Diventa obbligatorio per tutti i professionisti il preventivo scritto ai clienti. Salta la determinazione degli onorari dovuti per l'opera professionale dei notai.



TIROCINI PROFESSIONALI. Dei 18 mesi di tirocinio necessari per sostenere l'esame da avvocato, sei potranno essere trascorsi nelle università. Le università potranno prevedere nei rispettivi statuti e regolamenti che tale tirocinio, finalizzato all'iscrizione negli albi professionali, sia svolti nell'ultimo biennio di studi per il conseguimento del diploma di laurea specialistica o magistrale.



PIÙ NOTAI. La pianta organica dei notai aumenta di 500 unità. Ogni tre anni sarà fatta una revisione del rapporto tra numero di abitanti dei relativi distretti e numero di notai assegnati.



SNAM. Entro sei mesi dall'entrata in vigore del dl liberalizzazioni il governo dovrà emanare un decreto per la separazione di Snam da Eni.



GAS. Arriva un nuovo metodo per il calcolo delle tariffe del gas decise ogni trimestre dall'Autorità per l'energia.



DISTRIBUTORI DI BENZINA. I benzinai potranno decidere di acquistare i carburanti presso i grossisti meno cari, anche se non hanno il marchio a cui l'impianto fa riferimento. Presso le pompe di carburante sarà anche possibile vendere tabacchi, giornali e altri beni. Niente limiti per i distributori di benzina self-service fuori dai centri abitati.



GIORNALI. Si sopprime il limite minimo di superficie per la vendita della stampa quotidiana e periodica.



EDICOLE. Più libertà per le edicole. Oltre alla soppressione del limite minimo di superficie per la vendita della stampa quotidiana e periodica, l'ultima bozza del decreto prevede anche la possibilità per gli edicolanti di "praticare sconti sulla merce venduta". Allo stesso tempo i titolari delle edicole "possono rifiutare le forniture di prodotti complementari forniti dagli editori e dai distributori e possono altresì vendere presso la propria sede qualunque altro prodotto".



TAXI. Una nuova Autorità per le reti (trasporti ed energia) determinerà per i taxi l'incremento del numero delle licenze, che così non verranno più stabilite dai singoli comuni. Oltre alla propria licenza ogni tassista potrà avere anche una licenza part-time, ma non vi saranno licenze plurime assegnate allo stesso soggetto. Previsti anche orari più flessibili, extraterritorialità dei taxi che potranno lavorare anche fuori del proprio comune e infine tariffe più flessibili.



IDROCARBURI. I territori che ospitano impianti per lo sviluppo delle risorse energetiche nazionali strategiche di idrocarburi riceveranno inoltre una quota delle maggiori entrate che verranno garantite allo Stato dallo sfruttamento degli stessi giacimenti.



NUCLEARE. Accelerazione delle attività di smantellamento dei vecchi siti nucleari



FERROVIE. La separazione di Rfi da Fs verrà decisa sulla base di una valutazione dell'Autorità delle reti nel settore ferroviario. Non c'é più l'obbligo,inoltre, per le imprese ferroviarie e per le associazioni internazionali di imprese ferroviarie che operano in Italia di osservare i contratti collettivi nazionali di settore.
Carte di servizio. Arrivano le 'carte di servizio' nelle quali i gestori di servizi pubblici, anche locali, debbono indicare "in modo specifico i diritti, anche di natura risarcitoria, che i consumatori e le imprese utenti possono esigere nei confronti dei gestori del servizio e dell'infrastruttura".



PIÙ FARMACIE. Il numero delle autorizzazioni sarà stabilito in modo che vi sia una farmacia ogni 3.000 abitanti. Se entro 4 mesi dall'entrata in vigore della legge di conversione del decreto liberalizzazioni le regioni non avranno previsto un aumento delle farmacie il Consiglio dei ministri potrà nominare un apposito commissario per approvare le nuove piante organiche. Arriva inoltre una liberalizzazione completa degli orari e dei turni delle farmacie. I farmaci di fascia C, inoltre, potranno essere venduti solo nelle farmacie. Annunciato un nuovo grande concorso straordinario per l'apertura di oltre cinque mila farmacie.



SOCIETÀ PER GIOVANI. Una “società semplificata a responsabilità limitata” potrà essere costituita da una o più persone fisiche che non abbiano compiuto i trentacinque anni di età alla data della costituzione. Il capitale sociale minimo necessario sarà simbolico e pari ad un euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati