Comunali a Trapani, accordo con Udc: il Pd si spacca

Patto tra i segretari provinciali dei due partite divide i democratici che hanno inviato un documento di protesta a Bersani. “L’intesa ci imbarazza”

TRAPANI. L'accordo siglato tra il segretario provinciale del Pd, Baldo Gucciardi, e quello dell'Udc, Livio Daidone, per le amministrative di Trapani, ha spaccato il Partito democratico trapanese: una decina di dirigenti ha stigmatizzato l'accordo, sottoscrivendo un documento che è stato inviato al segretario nazionale Pierluigi Bersani.  "I contenuti dell'accordo ci smentiscono e ci imbarazzano sia di fronte l'opinione pubblica sia davanti ai nostri interlocutori politici", affermano Sabrina Rocca, Maria Concetta Serse, Maria Rita Pecorella, Antonio Gandolfo, Francesco Paolo Pinello, Stefano Marchingiglio, Filippo Salerno, Andrea Genna, Mariano Maimone, Domenico Messina e Vincenzo Abbruscato.   
"La stipula di una alleanza a due ottiene, a nostro parere, due effetti principali. il primo: esso, nonostante la retorica apertura alle forze riformiste ed autonomiste, getta le basi per una conventio ad excludendum che lascia spazi limitatissimi ad alleanze di più largo respiro necessarie, al contrario, per combattere con forza la battaglia politica nella nostra città. Il secondo: riproduce nella forma con cui è stato siglato, il livello provinciale senza alcuna interlocuzione con il livello comunale, procedure che inficiano le buone prassi che questo partito, in quanto democratico, ha stabilito di seguire per Statuto".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati