Rugby, continua la marcia dell'Italo-Belga

La prima dell’anno al velodromo porta bene all’Italo Belga Palermo rugby che, in una delle partite più belle mai viste, batte la capolista e fino ad oggi imbattuta, Gran Sasso con il risultato di 13-8. Ora, il Palermo, avvicina la vetta, occupata ancora dagli abruzzesi con 49 punti

PALERMO. La prima dell’anno al velodromo porta bene all’Italo Belga Palermo rugby che, in una delle partite più belle mai viste, batte la capolista e fino ad oggi imbattuta, Gran Sasso con il risultato di 13-8. Ora, il Palermo, avvicina la vetta, occupata ancora dagli abruzzesi con 49 punti (ma la federazione deve ancora togliere i 4 punti conquistati contro la Neroniana, ritirata dal campionato). I siciliani sono secondi a 43 punti. Una vittoria sofferta e meritata per il quindici del presidente Fabio Rubino, allenato dal duo Jaco Stoumann e Giacchino La Torre che sbaglia approccio alla gara e si trova sotto 8-0 per la meta di Pattuglia ed il piazzato di Feneziani.  La reazione, nel finale dei primi 40 minuti di gioco, quando Ciaurro accorcia con un piazzato. Si va al riposo sul 3-8. Nella ripresa il copione cambia ed i siciliani approfittano della stanchezza degli abruzzesi. Ciaurro colpisce di nuovo con un piazzato. Sul 6-8 il Gran Sasso va in confusione. È il momento migliore dei padroni di casa che trovano il vantaggio con una meta spettacolare di Vito Di Muro, che compie una galoppata in solitaria da metà campo fulminando la retroguardia ospite. Ciaurro trasforma e fissa il risultato sul 13-8. Che vale la vittoria ed un passo significativo verso i paly-off per salire in serie A. «Abbiamo cominciato sottotono – dice Gioacchino La Torre – Abbiamo commesso errori stupidi in fase di impostazione ed abbiamo anche sbagliato a non piazzare quando ne avevamo la possibilità. Questa vittoria dimostra che anche noi possiamo dire la nostra in questo campionato. È un grande passo verso i play-off». «Sono molto contento, non solo della vittoria, ma anche di come è arrivata – dice il presidente Fabio Rubino – Il campo non era in buone condizioni e soffriamo sempre i campi pesanti. Oggi la prima linea è stata fenomenale. Siamo pronti ad affrontare i playoff».


Buone notizie anche dall’under 20 allenata da Davide Grotta e capitanata da Daniele Grassadonia che oggi, prima della partita della serie B, ha battuto la capolista San Gregorio 25-22. I catanesi, all’andata avevano schiantato i palermitani con oltre 50 punti di distacco. «Un modo per dimostare l’impegno dei miei ragazzi – dice Grotta – e di come questa squadra stia pian piano crescendo. In rosa ci sono giocatori molto interessanti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati