Palermo ricorda Mattarella

Cerimonia di commemorazione dell'ex presidente della Regione siciliana assassinato 32 anni fa. Corone di fiori e autorità sul luogo dell'eccidio

PALERMO. Una cerimonia di commemorazione dell'ex presidente della Regione siciliana, Piersanti Mattarella, assassinato il 6 gennaio 1980, si è svolta stamane a Palermo. Nel luogo dell'eccidio in via Libertà sono state deposte corone di fiori. Sono intervenute autorità politiche e militari. Presente anche il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso. "Cosa nostra - ha affermato Grasso a margine della cerimonia - tenta sempre di rifondare la commissione provinciale di Palermo, una struttura necessaria per assumere decisione strategiche, dare input e formulare decisioni. Basta pensare a quanti delitti eccellenti sono stati decisi da questa struttura. La reazione dello Stato ha destrutturato la commissione - ha sottolineato il capo della Dna - bisogna continuare a impedire che si ricostituisca".
"Mattarella, trentadue anni fa, fu brutalmente assassinato dalla mafia perché cercava di fare della politica un punto di riferimento del buon Governo e dello sviluppo, stanando il passo allo strapotere della mafia", ha affermato Carlo Vizzini (Psi), presidente della commissione Affari costituzionali.  "Il suo insegnamento, dopo trentadue anni, resta un formidabile esempio che, - ha aggiunto - purtroppo, molti ammirano ma non troppi seguono concretamente". "Cambiamo passo - ha concluso Vizzini - e riportiamo la politica, quella vera, tra i giovani e le persone per bene come avrebbe fatto lui se, proprio per questo, non l'avessero massacrato".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati